Sicilia

 

La Sicilia è la più estesa regione italiana, e la più estesa isola del Mediterraneo. Ma non basta certo questo per spiegare quanto imponente sia il suo patrimonio turistico-culturale, frutto della combinazione delle tante dominazioni che si sono succedute sul suo territorio: Fenici, Greci, Romani, Bizantini, Arabi, Normanni, Angioini, Francesi, Spagnoli. Insieme alle testimonianze materiali, ciascuna ha lasciato una sua traccia nelle tradizioni, anche agricole, alimentari ed enogastronomiche.

 

Tant’è che la Sicilia ha visto riconosciuti dall’UNESCO, come Patrimonio Materiale dell’Umanità, sette siti del proprio territorio, detenendo, insieme alla Toscana, il primato nazionale (senza tenere conto di quelli condivisi con altre regioni o stati); vi sono inoltre altri due riconoscimenti “siciliani” dell’UNESCO, come Patrimonio Immateriale dell’Umanità: il Teatro dei Pupi siciliani e la coltivazione della vite “ad alberello” dell’isola di Pantelleria.

 

A sostegno dell’attrattività turistica della Sicilia, fa la propria parte anche la natura: con le spettacolari eruzioni dell’Etna e dello Stromboli; le bellissime coste, ora sabbiose ora rocciose, e le isole minori (Eolie, Egadi, Pantelleria e Lampedusa); i numerosi parchi e le riserve naturali; i suggestivi paesaggi montani delle Madonie, dei Nebrodi, degli Iblei e dei Peloritani.

 

Nel ricco panorama dei prodotti siciliani riconosciuti a denominazione d’origine e indicazione geografica protette, meritano menzione alcune particolarità, come il Piacentinu Ennese DOP (formaggio pecorino insaporito con lo zafferano); il Cappero di Pantelleria IGP; i due tipi di Fico d’India DOP, dell’Etna e di San Cono; il Pistacchio Verde di Bronte DOP; il Sale Marino di Trapani IGP.

 

In tutto, fra prodotti e vini DOP, IGP, e specialità agroalimentari tradizionali, sono circa 260 le denominazioni che offrono al turista che visita la Sicilia occasione di esperienze e itinerari del gusto.

 

 

I numeri dell’agriturismo in Sicilia

 

Aziende: 633 (3% del totale Italia 20.897 aziende)

di cui

con alloggio : 576

con ristorazione: 493

con degustazione: 219

con altre attività (sportive, ricreative, culturali): 550

 

Posti letto totali: 10.428 (totale Italia 225.000)

di cui

in camere o abitazioni comuni: 8.262

in appartamenti o abitazioni indipendenti: 2.166

 

Piazzole sosta camper (agri-campeggio): 811

 

Posti a sedere ristorazione: 24.920 (totale Italia 407.000)

 

Aziende con alloggio per servizio offerto (*):

solo pernottamento: 162

notte e prima colazione: 90

mezza pensione: 98

pensione completa: 376

 

(*) Un’azienda agricola autorizzata all’esercizio dell’alloggio può svolgere uno o più tipi di servizio.

 

Attività ricreative, culturali e didattiche (n. aziende):

Con equitazione: 60

Con attività escursionistiche: 310

Con osservazioni naturalistiche: 177

Con percorsi trekking: 105

Con mountain bike: 46

Con corsi vari (es cucina, pittura, yoga, etc): 98

Con sport vari (es tennis, calcio a 5, tiro con l’arco, etc): 377

Fattorie didattiche: 73

 

 

Per zone altimetriche (n. aziende):

in montagna: 137 (21,7% del totale regionale)

in collina: 404 (63,8%)

in pianura: 92 (14,5%)

 

Per sesso del conduttore (n. aziende):

gestite da uomini: 416

gestite da donne: 217

 

Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT (ultimi pubblicati, riferiti al 2013)

Fonte fattorie didattiche: Regione Sicilia

 

 

 

 

Sicilia Siti UNESCO – Patrimonio dell’Umanità

– Villa romana del Casale (Piazza Armerina)

– Area archeologica di Agrigento

– Isole Eolie

– Città tardo barocche del Val di Noto

– Siracusa e la necropoli rupestre di Pantalica

– Teatro dei Pupi siciliani

– Etna

– Coltivazione della vite “ad alberello” a Pantelleria

– Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale

 

Sicilia Parchi Regionali (PR)

PR Alcantara

PR Etna

PR Madonie

PR Nebrodi

 

 

Sicilia – Prodotti “food” DOP e IGP (17 DOP + 12 IGP = 29)
– Pecorino Siciliano (formaggio DOP)
– Piacentinu Ennese (formaggio DOP)
– Ragusano (formaggio DOP)
– Vastedda della Valle del Belice (formaggio DOP)
– Salame S. Angelo (salume IGP)
– Monte Etna (olio d’oliva DOP)
– Monti Iblei (olio d’oliva DOP)
– Valle del Belice (olio d’oliva DOP)
– Val di Mazara (olio d’oliva DOP)
– Valdemone (olio d’oliva DOP)
– Valli Trapanesi (olio d’oliva DOP)
– Arancia di Ribera (ortofrutta DOP)
– Arancia Rossa di Sicilia (ortofrutta IGP)
– Cappero di Pantelleria (ortofrutta IGP)
– Carota Novella di Ispica (ortofrutta IGP)
– Ciliegia dell’Etna (ortofrutta DOP)
– Fico d’India dell’Etna (ortofrutta DOP)
– Fico d’India di San Cono (ortofrutta DOP)
– Limone Interdonato di Messina (ortofrutta IGP)
– Limone di Siracusa (ortofrutta IGP)
– Nocellara del Belice (oliva da tavola DOP)

– Pescabivona (ortofrutta IGP)
– Pesca di Leonforte (ortofrutta IGP)
– Pistacchio verde di Bronte (ortofrutta DOP)
– Pomodoro di Pachino (ortofrutta IGP)
– Uva da Tavola di Canicattì (ortofrutta IGP)
– Uva da Tavola di Mazzarrone (ortofrutta IGP)
– Pagnotta del Dittaino (pane DOP)
– Sale marino di Trapani (condimento IGP)

 

Sicilia – Strade del vino e del gusto

– Strada del Vino Alcamo Doc

– Strada del Vino e dei Sapori Castelli Nisseni

– Strada del Vino dell’Etna

– Strada del Vino Erice DOC

– Strada del Malvasia delle Lipari

– Strada del Vino Marsala – Terre d’Occidente

– Strada del Vino DOC Monreale

– Strada del Vino e Rotta del Vino della Provincia di Messina

– Strada del Moscato di Noto e del Moscato di Siracusa

– Strada del Vino Targa Florio

– Strada del Vino e dei Sapori della Val di Noto

– Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria dal Barocco al Liberty

– Strada del Vino Terre Sicane

– Strada del Vino Val di Mazara