Emilia Romagna

 

L’Emilia Romagna è probabilmente la principale dimostrazione di un turismo nazionale, e soprattutto internazionale, di successo, integrato con una produzione agricola e di trasformazione agroalimentare molto consistente e di alta qualità: ai primi posti dei flussi turistici dall’estero c’è la Riviera Romagnola; ai primi posti dell’export agroalimentare ci sono il Grana Padano DOP, il Parmigiano Reggiano DOP, il Prosciutto di Parma DOP, l’Aceto Balsamico di Modena IGP. la Mortadella Bologna IGP, tutti prodotti agroalimentari certificati a Denominazione d’Origine o ad Indicazione Geografica Protetta che si ottengono, parzialmente o esclusivamente, in Emilia Romagna.

 

I consumi interni, salvo che per l’Aceto Balsamico di Modena, che si esporta quasi tutto, seguono stessa tendenza. L’offerta enogastronomica degli agriturismi va oltre: qualità superiore dell’artigianato alimentare locale, qualità eccellente dell’ospitalità.

 

Oltre le specialità agroalimentari già citate, ci sono molte altre eccellenze di settore, alcune a carattere strettamente locale, che sono state riconosciute dall’Unione Europea per l’origine e che propongono al turista altrettante opportunità di acquisto e curiosità enogastronomiche sul territorio.

 

In tutto, fra prodotti e vini DOP, IGP, e specialità agroalimentari tradizionali, sono circa 380 le denominazioni che offrono al turista che visita l’Emilia Romagna occasione di esperienze e itinerari del gusto.

I numeri dell’agriturismo in Emilia Romagna

 

Aziende 1.106 : (5,3% del totale Italia 20.897 aziende)

di cui

con alloggio : 775

con ristorazione: 834

con altre attività (sportive, ricreative, culturali): 739

 

Posti letto totali: 8.719(totale Italia 225.000)

di cui

in camere o abitazioni comuni: 6.730

in appartamenti o abitazioni indipendenti: 1.989

Piazzole sosta camper (agri-campeggio): 514

 

Posti a sedere ristorazione: 32.643 (totale Italia 407.000)

 

Aziende con alloggio per servizio offerto (*):

solo pernottamento: 342

notte e prima colazione: 30

pensione completa: 471

 

(*) Un’azienda agricola autorizzata all’esercizio dell’alloggio può svolgere uno o più tipi di servizio.

 

Attività ricreative, culturali e didattiche (n. aziende):

Con equitazione: 29

Con percorsi trekking: 131

Con mountain bike: 164

Con corsi vari (es cucina, pittura, yoga, etc): 127

Con sport vari (es tennis, calcio a 5, tiro con l’arco, etc): 270

Fattorie didattiche: 330

 

Per zone altimetriche (n. aziende):

in montagna: 186 (16,8% del totale regionale)

in collina: 539 (48,7%)

in pianura: 381 (34,5%)

 

 

Per sesso del conduttore (n. aziende):

gestite da uomini: 649

gestite da donne: 457

 

Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT (ultimi pubblicati, riferiti al 2013)

Fonte fattorie didattiche: Regione Emilia Romagna

 

 

 

 

 

Emilia Romagna – Siti UNESCO – Patrimonio dell’Umanità

– Ferrara città del Rinascimento ed il suo delta del Po

– Monumenti paleocristiani di Ravenna

– Cattedrale, Torre Civica e Piazza Grande di Modena

 

Emilia Romagna Parchi Nazionali (PN), Interregionali (PIR) e Regionali (PR)

PN Appennino Tosco-Emiliano

PN Foreste Casentinesi

PIR Sasso Simone Simoncello

PR Abbazia di Monteveglio

PR Boschi Carrega

PR Cento Laghi

PR Corno alle Scale

PR Delta Po ER

PR Frignano

PR Gessi Bolognesi

PR Laghi Suviana Brasimone

PR Monte Sole

PR Sassi Roccamalatina

PR Stirone e Piacenziano

PR Taro

PR Trebbia

PR Vena Gesso Romagnola

 

Emilia Romagna – Prodotti “food” DOP e IGP (18 DOP + 22 IGP = 40)


– Formaggio di Fossa di Sogliano (DOP)
– Grana Padano (formaggio DOP)
– Parmigiano Reggiano (formaggio DOP)
– Provolone Valpadana (formaggio DOP)
– Squacquerone di Romagna (formaggio DOP)
– Coppa di Parma (salume IGP)
– Coppa Piacentina (salume DOP)
– Cotechino di Modena (salume IGP)
– Culatello di Zibello (salume DOP)
– Mortadella di Bologna (salume IGP)
– Pancetta Piacentina (salume DOP)
– Prosciutto di Modena (salume DOP)
– Prosciutto di Parma (salume DOP)

– Salama da sugo (salume IGP)
– Salame Cremona (salume IGP)
– Salame Felino (salume IGP)
– Salame Piacentino (salume DOP)
– Salamini Italiani alla cacciatora (salume DOP)
– Zampone di Modena (salume IGP)

– Agnello del Centro Italia (carne IGP)

– Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale (carne IGP)
– Brisighella (olio d’oliva DOP)
– Colline di Romagna (olio d’oliva DOP)
– Aglio di Voghiera (ortofrutta DOP)
– Amarene Brusche di Modena (ortofrutta IGP)
– Asparago Verde di Altedo (ortofrutta IGP)
– Ciliegia di Vignola (ortofrutta IGP)
– Fungo di Borgotaro (ortofrutta IGP)
– Marrone di Castel del Rio (ortofrutta IGP)

– Melone Mantovano (ortofrutta IGP)
– Patata di Bologna (ortofrutta DOP)
– Pera dell’Emilia Romagna (ortofrutta IGP)
– Pesca e Nettarina di Romagna (ortofrutta IGP)
– Scalogno di Romagna (ortofrutta IGP)
– Coppia Ferrarese (pane IGP)

– Piadina Romagnola/Piada Romagnola (panetteria IGP)
– Riso del Delta del Po (cereali IGP)
– Aceto Balsamico Tradizionale di Modena (condimento DOP)
– Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia (condimento DOP)
– Aceto Balsamico di Modena (condimento IGP)

 

Emilia RomagnaStrade del vino e del gusto

– Strada del Po e dei Sapori della Bassa Piacentina

– Strada del Culatello di Zibello

– Strada del Fungo Porcino di Borgotaro

– Strada del Prosciutto e dei Vini dei Colli di Parma

– Strada dei Vini e dei Sapori dell’Appennino Bolognese

– Strada dei Vini e dei Sapori Città Castelli Ciliegi

– Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli d’Imola

– Strada del Sangiovese e dei Sapori delle Colline di Faenza

– Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara

– Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì e Cesena

– Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli Piacentini

– Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini

– Strada dei Vini e dei Sapori delle Corti Reggiane

– Strada dei Vini e dei Sapori della Pianura Modenese, Terre Piane

– Strada dei Vini e dei Sapori di Scandiano e Canossa