Campania

 

I Romani la chiamavano “Campania felix” alludendo alla grande fertilità dei suoi terreni, all’amenità dei paesaggi, al clima dolce. Ma già in precedenza la sua bellezza e la sua ricchezza favorirono il succedersi di importanti insediamenti di popolazioni pre-romane e poi, sulla costa, di colonie fra le più fiorenti della Magna Grecia. Dopo la caduta dell’impero romano se la contesero Longobardi, Bizantini, Normanni, Francesi e Spagnoli, e Napoli si affermò come uno dei principali riferimenti culturali, artistici ed economici d’Europa.

 

I segni di questa natura, di questa Storia straordinaria, di questa integrazione fra diverse culture, sono scritti ancora oggi sul territorio della Campania, soprattutto se, come consente l’agriturismo, si ha occasione di visitare anche le zone meno urbanizzate, i paesaggi rurali, i luoghi dove la natura è protetta.

 

In Campania “incontriamo” molti tesori dell’agricoltura e dell’enogastronomia, figli di questa terra “felix”, custoditi gelosamente da una plurisecolare tradizione contadina e da una più aristocratica cultura del gusto. L’ambasciatore più noto ed apprezzato di questo patrimonio è certamente la Mozzarella di Bufala Campana DOP; ma tante altre specialità, spesso sconosciute ai più, meritano uguale curiosità ed attenzione da parte degli appassionati di agriturismo e buona tavola, restituendo sorprese davvero gradevoli.

 

In tutto, fra prodotti e vini DOP, IGP, e specialità agroalimentari tradizionali, sono oltre 420 le denominazioni che offrono al turista che visita la Campania occasione di esperienze e itinerari del gusto.

 

 

I numeri dell’agriturismo in Campania

 

Aziende: 458 (2,2 % del totale Italia 20.897 aziende)

di cui

con alloggio : 368

con ristorazione: 396

con degustazione:151

con altre attività (sportive, ricreative, culturali): 330

 

Posti letto totali: 3.627 (totale Italia 225.000)

di cui

in camere o abitazioni comuni: 3.231

in appartamenti o abitazioni indipendenti: 396

 

Piazzole sosta camper (agri-campeggio): 431

 

Posti a sedere ristorazione: 15.592 (totale Italia 407.000)

 

Aziende con alloggio per servizio offerto (*):

solo pernottamento: 53

notte e prima colazione: 127

mezza pensione:137

pensione completa:310

 

(*) Un’azienda agricola autorizzata all’esercizio dell’alloggio può svolgere uno o più tipi di servizio.

 

 

Attività ricreative, culturali e didattiche (n. aziende):

Con equitazione: 38

Con attività escursionistiche: 167

Con osservazioni naturalistiche: 199

Con percorsi trekking:96

Con mountain bike: 47

Con corsi vari (es cucina, pittura, yoga, etc): 78

Con sport vari (es tennis, calcio a 5, tiro con l’arco, etc): 62

Fattorie didattiche: 363

 

 

Per zone altimetriche (n. aziende):

in montagna: 133 (29% del totale regionale)

in collina: 284 (62%)

in pianura: 41 (9%)

 

Per sesso del conduttore (n. aziende):

gestite da uomini: 235

gestite da donne: 223

 

Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT (ultimi pubblicati, riferiti al 2013)

Fonte fattorie didattiche: Regione Campania

 

 

Campania Siti UNESCO – Patrimonio dell’Umanità

– Centro storico di Napoli

– Palazzo reale del XIX secolo di Caserta con il parco, l’acquedotto Carolino ed

il complesso di San Leucio

– Zone archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

– Costiera amalfitana

– Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, con i siti archeologici di

Paestum e Velia, e la Certosa di San Lorenzo

– Longobardi in Italia: i luoghi del potere (568-774)

– Celebrazione delle grandi strutture processionali a spalla

 

Campania Parchi Nazionali (PN) e Regionali (PR)

PN Cilento

PN Vesuvio

PR Campi Flegrei

PR Fiume Sarno

PR Matese

PR Monti Lattari

PR Monti Picentini

PR Partenio

PR Roccamonfina e Foce Garigliano

PR Taburno – Camposauro

 

Campania – Prodotti “food” DOP e IGP (13 DOP + 9 IGP = 22)

– Caciocavallo Silano (formaggio DOP)
– Mozzarella di Bufala Campana (formaggio DOP)
– Provolone del Monaco (formaggio DOP)
– Ricotta di bufala campana (formaggio DOP)
– Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale (carne IGP)
– Cilento (olio d’oliva DOP)
– Colline Salernitane (olio d’oliva DOP)
– Irpinia – Colline dell’Ufita (olio d’oliva DOP)
– Penisola Sorrentina (olio d’oliva DOP)
– Terre Aurunche (olio d’oliva DOP)
– Carciofo di Paestum (ortofrutta IGP)
– Castagna di Montella (ortofrutta IGP)
– Cipollotto Nocerino (ortofrutta DOP)
– Fico Bianco del Cilento (ortofrutta DOP)
– Limone Costa d’Amalfi (ortofrutta IGP)
– Limone di Sorrento (ortofrutta IGP)
– Marrone di Roccadaspide (ortofrutta IGP)
– Mela Annurca Campana (ortofrutta IGP)
– Nocciola di Giffoni (ortofrutta IGP)
– Pomodorino del Piennolo del Vesuvio (ortofrutta DOP)
– Pomodoro di San Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino (ortofrutta DOP)

– Pasta di Gragnano (pasta IGP)

 

Campania – Strade del vino e del gusto

– Strade del Vino Campi Flegrei

– Strada dei Vini doc Castel San Lorenzo

– Strada del Vino Cilento sapori e storia

– Strada del Vino Costa d’Amalfi

– Strade dei Vini e dei Sapori d’Irpinia

– Strade del Vino e dei Prodotti Tipici dell’Isola d’Ischia

– Strade del Vino e dei Prodotti Tipici della Penisola Sorrentina

– Strade del Vino in Terra di Lavoro

– Strada dei Vini e dei Prodotti Tipici Terre dei Sanniti

– Strada del Vino Vesuvio e dei Prodotti Tipici Vesuviani